rss       facebook       twitter       tumblr       youtube       vimeo

FNG Photo-Essay: Sweden Trip

Nuovo appuntamento con FNG Photo-Essay, la nostra rubrica random dedicata a reportages e piccole storie fotografiche. Questa volta abbiamo un racconto fatto da parole e immagini di un recente viaggio in Svezia. A cura di Luca Benedet. Foto scattate con Minolta XD7 e tante pellicole Fuji.

-

Ieri è stata una bella serata, viva, fatta di musica adatta, candele, tabacco e whisky scozzese. Le seguenti parole come conseguenza, pensata. Dare delle risposte talvolta è difficile, in questo periodo storico lo è ancora di più. Per i credenti è difficile trovarle, per chi dalla fede è lontano forse lo è ancora di più, o non lo è affatto. Siamo saturi di ingiustizie, lontane, vicine, di qualsiasi tipo e forma. Abbiamo tutto però, per vederle. Ma chiudere gli occhi è più facile, e poi tra poco arriva il Natale. Tutto passa. Quando ho guardato le foto della Svezia mi sono chiesto del perché di quella luce, quella che in alcune foto appare, sottolinea e cancella in altre, particolari, importanti o meno, come le domande. In quei giorni ero con i miei migliori amici, si, esistono ancora i migliori amici, lontano da Facebook, lontano da casa, non me ne vogliate ma per degli attimi avrei voluto fermarmi, su quelle isole fiabesche nel mezzo del nulla, perdermi nei pensieri, avere un buon libro, perché poi i migliori viaggi sono quelli, quelli tra le pagine, quelli che si fanno da soli, da casa, sul treno, dal cuore. Amici, la Svezia è quella lì, il mondo è quello lì, quello fuori dalle guide, dalle mappe, quello che ci piace a me. La soggettività regala. L’obbligo toglie. Luce, ora sò perché in quei giorni apparivi sulla pellicola. La manifestazione delle cose richiede del tempo, la concessione è un privilegio. Perché il tempo se ne fotte e noi siamo sempre lì a rincorrerlo, a sfruttarlo. Pausa. La pellicola richiede tempo, vuol essere accarezzata, caricata, immersa. l’amore richiede tempo, per manifestarsi. La lontananza mi ha aiutato. Lassù, lontano ho iniziato a scriverti, ad aspettare la luce sul piccolo schermo che ci avvicinava, un messaggio dopo l’altro. Ad immaginare. Di luce, di amore. Ora il bicchiere è vuoto, il posacenere pieno e la distanza è diminuita. Fra le note di Francesco chiudo gli occhi.

“Vedi cara, certe volte sono in cielo come un aquilone al vento che poi a terra ricadrà. Vedi cara certi giorni sono un anno, certe frasi sono un niente che non serve più sentire.”

Text & Photography: Luca Benedet

Submit your comment

Please enter your name

Please enter a valid email address

Please enter your message

Notify me of followup comments via e-mail